CAI e Repubblica del Congo: si riaprono le relazioni

Una delegazione composta da alti funzionari ministeriali della Repubblica del Congo ha incontrato oggi il Vicepresidente Laera insieme ai Commissari Guerrieri e Bardini oltre a componenti della Segreteria Tecnica e ai rappresentati degli enti autorizzati ad operare sul territorio congolese, intervenuti nella seconda fase dell'incontro. 
Andre Kalenga Ka Ngo, Capo Delegazione e Direttore del Gabinetto del Ministro della Giustizia, ha riferito sulla situazione delle adozioni internazionali nel Paese che sono, al momento, sospese in ragione del rallentamento dell'applicazione del Codice della Famiglia del 2016, il quale assegna ad un organismo pubblico, non ancora creato, la gestione delle attività relative all'adozione internazionale. Nelle intenzioni del legislatore, questo nuovo organismo ispirato ai principi della Convenzione dell'Aja e che sostituisce la precedente struttura interministeriale, dovrebbe rendere il procedimento adottivo più semplice e trasparente. Il Capo Delegazione pur non essendosi espresso sui tempi di realizzazione di questo nuovo organismo si è mostrato fiducioso poiché, riferisce, il tema delle adozioni internazionali ha una forte rilevanza politica nel Paese.
Nel corso dell’incontro, la Vicepresidente Laera ha presentato una prima bozza di accordo di cooperazione che la Repubblica Popolare del Congo riceverà a breve anche per via diplomatica. Infine, la Delegazione congolese ha tenuto sottolineare che la nuova legislazione porrà una maggiore attenzione verso il post-adozione ha invitato gli Enti Accreditati a produrre relazioni sui minori adottati dalla famiglie italiane. 

26-06-2019