Mali

Questa scheda paese è stata aggiornata al 16/06/2020

ATTENZIONE: ai sensi della Circolare del 5 dicembre 2012, attualmente, possono adottare in Mali solo le coppie adottive maliane residenti all’estero.

Il Mali ha depositato gli strumenti per l’accessione alla Convenzione de L’Aja n.33 del 29 maggio 1993 il 2 maggio 2006 e il 1° settembre 2006 è entrata in vigore.

Referenti per l’adozione internazionale

Autorità Centrale

Direction Nationale de la Promotion de l’Enfant et de la Famille (DNPEF) [Direzione nazionale della promozione del minore e della famiglia]
Ministère de la Promotion de la Femme, de l’Enfant et de la Famille [Ministero della promozione della donna, del minore e della famiglia]

B.P. 26-88, Bamako
e-mail directionenfant@yahoo.fr ;
sito web www.mpfef.gouv.ml/index.php/direction-nationale-de-la-promotion-de-lenfant-et-de-la-famille/

Ambasciata del Mali in Italia

Ambasciata d’Italia in Senegal (competente per il Mali)

Compiti e funzioni dell’Autorità Centrale

  • Collabora con le autorità centrali degli altri Paesi e con altre organizzazioni o enti che si occupano di adozioni;

  • Garantisce il rispetto degli obblighi derivanti dalla Convenzione de L’Aja durante le fasi amministrativa e giudiziaria della procedura di adozione per ciò che riguarda: la situazione del minore e la sua adottabilità; i tutori legali del minore; il trasferimento del minore nel Paese in cui risiede la coppia.

Procedura adottiva

Per maggiori informazioni sulla procedura prevista dalla normativa italiana: e-tutorial sull'adozione internazionale CAI

Requisiti delle coppie adottanti

Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa locale che, in base alla circolare del 5 dicembre 2012, ora sono validi solo per le coppie adottive maliane residenti all'estero, e non più anche per le coppie adottive italiane.

  • coppie eterosessuali sposate in cui uno dei due coniugi ha compiuto almeno 30 anni (art.540 del Codice);

  • persona singola, vedova o divorziata che ha compiuto almeno 30 anni (art.540 del Codice);

  • gli aspiranti genitori adottivi non devono avere già uno o più figli legittimi (art.540 del Codice);

  • condizioni di vita, di salute e di reddito adeguate (art.522 del Codice);

  • assenza di condanne penali.

La legge del Mali indica altresì che in nessun caso le persone omosessuali possono adottare un minore (art.522 c.4 del Codice).

Requisiti dei minori adottandi

  • minori di 5 anni dichiarati adottabili (art.537 del Codice):

    • orfani o abbandonati (art.537 del Codice);

    • i cui genitori sono sconosciuti (art.537 del Codice);

    • che si trovano presso istituzioni pubbliche o private e i cui genitori o chi ne ha la tutela o qualsiasi altra persona responsabile della loro cura abbiano manifestamente perso interesse a crescerli da più di un anno e che, in conseguenza di ciò, sono dichiarati abbandonati dal Tribunale civile (art.538 del Codice);

    • con disabilità o con genitori malati che non possono prendersene cura;

    • non vi sono altri parenti che possono prendersi cura di loro.

Passaggi della procedura

  • la coppia conferisce l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo alla DNPEF (art.523 del Codice);

  • la DNPEF, una volta valutato il fascicolo della coppia, propone ad essa l’abbinamento con un minore in base alle sue specifiche esigenze;

  • se la coppia accetta la proposta di abbinamento, tramite l’ente autorizzato, trasmette la propria decisione alla DNPEF;

  • la procedura prosegue davanti al Tribunale di Prima istanza di Bamako che è il solo in tutto il Mali che decide sulle adozioni; la decisione è resa in udienza pubblica, alla presenza del minore, del rappresentante della DNPEF e del pubblico ministero (art.523 del Codice);

  • è previsto un periodo di 15 giorni tra la decisione del Tribunale e l'emissione del provvedimento che stabilisce l’adozione; durante tale periodo chi è legittimato può impugnare la decisione sull’adozione;

  • se la coppia si avvale dell’assistenza di un avvocato del Mali, è possibile che la procedura e le udienze presso il Tribunale si svolgano senza la presenza della coppia;

  • una volta che il Tribunale emette il provvedimento definitivo che decide l’adozione, la coppia deve comunque recarsi personalmente in Mali per prendere con sé il minore;

  • una volta ottenuto il certificato di nascita del minore la coppia può fare richiesta per ottenere il passaporto del minore, necessario per lasciare il Mali.

Post-adozione

L’ente autorizzato trasmette alla DNPEF in Mali le relazioni concernenti l’integrazione

del minore, che devono essere redatte con cadenza annuale fino al compimento dei diciotto anni di età del minore.

Normativa di riferimento

  • Code de la parenté du 31 juillet 1973 [Codice della parentela];

  • Loi n° 2011-087 du 30 décembre 2011 portant Code des personnes et de la famille [Codice delle persone e della famiglia] ;

  • Circulaire du 5 décembre 2012 [Circolare che limita l'adozione internazionale ai soli cittadini maliani residenti all’estero]

Link


Link ed allegati