Perù

Referenti per l'adozione

Autorità competente per le adozioni internazionali
Dirección General de Adopciones (DGA)
Ministerio de la Mujer y Poblaciones Vulnerables
Benavides 1155, Miraflores
Lima
E-mail: adopcion@mimp.gob.pe
Website: Dirección General de Adopciones (DGA)


Compiti e funzioni della DGA:

  • Approva le adozioni nazionali ed internazionali dei minori dichiarati adottabili;
  • Gestisce le fasi della procedura amministrativa di adozione internazionale;
  • Autorizza e monitora gli enti che si occupano delle adozioni internazionali;
  • Provvede alle pratiche di ri-accreditamento degli enti autorizzati e dei loro rappresentanti, ogni tre anni;
  • Promuove l'adozione nazionale in base al principio di prevalenza rispetto all’adozione internazionale, che è dunque sussidiaria e alla quale si può fare ricorso solo dopo che sono stati fatti tutti gli sforzi possibili e necessari affinché il minore possa essere reintegrato nella propria famiglia biologica;
  • Segue il follow-up successivo all’adozione internazionale del minore.

Ambasciata d’Italia in Perù
15072, Av. Giuseppe Garibaldi, 298 Jesus Maria
Lima
Tel: + 51 14 632727
E-mail: ambasciata.lima@esteri.it
PEC: amb.lima@cert.esteri.it
Website: Ambasciata d’Italia in Perù

Ambasciata del Perù in Italia
Via Francesco Siacci, 2B
00197, Roma
Tel: + 39 06 80691510, +39 06 80691534, +39 06 80691534
Fax: +39 06 80691777
E-mail: embperu@ambasciataperu.it
Website: Ambasciata del Perù in Italia


Enti autorizzati operativi
Ricerca dell’ente autorizzato operativo in Perù.


Normative e procedure

Ratifica/Accessione alla Convenzione Aja:
Il Paese ha ratificato la Convenzione dell’Aja n.33 del 29 maggio 1993 sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale il 14 settembre 1995 e il 1° gennaio 1996 è entrata in vigore.


Normativa di riferimento
Código Civil (1984);
Nuevo Código de los Niños y Adolescentes, Ley Nº 27337 (2000) [Nuovo Codice dei bambini e degli adolescenti];
Titulo III y IV del Decreto Supremo No. 008-2009-MIMDES “Reglamento de la Ley General de Centros de Atención Residencial de Niñas, Niños y Adolescentes” (2009) [Regolamento della Legge Generale dei Centri di assistenza residenziale per bambine, bambini e adolescenti];
Decreto Legislativo N°1098 de Organización y Funciones deal Ministerio de la Mujer y Poblaciones Vulnerables. (2012) [Decreto legislativo dell’Organizzazione e il Funzionamento del Ministero delle Donne e dei gruppi vulnerabili – MIMP];
Decreto Supremo N° 003-2012 Reglamento de Organización y Funciones del MIMP (2012) [Regolamento dell’Organizzazione e del Funzionamento del MIMP];
Resolución Ministerial No 080-2012-MIMP “Manual de Intervención de Centros de Atención Residencial de Niñas, Niños y Adolescentes sin Cuidados Parentales” (2012) [Manuale di Intervento dei Centri di assistenza residenziale per bambine, bambini e adolescenti];
Resolución Ministerial No 081-2012-MIMP que aprueba el “Manual de Acreditación y Supervisión de Programas para Niñas, Niños y Adolescentes sin Cuidados Parentales en el Perú́” (2012) [Manuale di Accreditamento e Supervisione dei programmi per le bambine, i bambini e gli adolescenti];
Ley N° 30465 Ley que establece Parámetros y Garantía Procesales para la Consideración primordial del Interés Superior del Niño” (2016) [Legge che stabilisce i Parametri e le Garanzie procedurali per la Considerazione primaria dell'Interesse Superiore del Minore];
Decreto Supremo N°. 005-2016-MIMP, que aprueba el Reglamento del Servicio de investigación Tutelar. [Regolamento del Servizio di investigazione tutelare];
Resolución Ministerial No. 185-2017-MIMP “Criterios y procedimientos técnicos y operativos para la evaluación de niños, niñas y adolescentes, declaración de aptitud de solicitantes, y adopciones prioritarias” (2017) [Criteri e procedure tecniche e operative per la valutazione di bambini e adolescenti, dichiarazione di attitudine dei candidati e adozioni prioritarie];
Resolución Ministerial No. 177-2017-MIMP para la aprobación de la Directiva “Autorización de organismos acreditados internacionales y Aspectos técnicos y operativos para el seguimiento post-adoptivo de niñas, niños y adolescentes” (2017) [Autorizzazione di organismi internazionali accreditati e aspetti tecnici e operativi per il monitoraggio post-adottivo di bambini e adolescenti];
Decreto Legislativo No. 1297 (2016) para la Protección de Niñas, Niños y Adolescentes sin Cuidados Parentales o en Riesgo de Perderlos [Protezione di bambine, bambini e adolescenti senza cure parentali o a rischio di perdita delle cure parentali];
Decreto Supremo N° 001-2018-MIMP (2018), Reglamento del Decreto Legislativo Nº 1297 para la Protección de las niñas, niños y adolescentes sin cuidados parentales o en riesgo de perderlos [Regolamento del Decreto legislativo n.1297 per la Protezione di bambini e adolescenti senza cure parentali o a rischio di perdita delle cure parentali];
Resolución Ministerial N° 065-2018-MIMP, Aprueba “Tabla de Valoración de riesgo “(2018) [Tavola di Valutazione del rischio];
Decreto Supremo n 002-2018 MIMP, [Approvazione Regolamento della Legge n 30466 che stabilisce parametri e garanzie processuali per la considerazione primordiale dell’interesse superiore del bambino].

 

Requisiti degli adottanti*
Le coppie eterosessuali sposate da almeno due anni;
gli aspiranti genitori adottivi devono avere più di 25 anni e meno di 52 anni;
la differenza di età tra il minore e gli aspiranti genitori adottivi deve essere di almeno 18 anni;
infine, un requisito non previsto dalla normativa ma che può essere applicato nella pratica: le coppie eterosessuali sposate che hanno già figli, possono adottare solo minori di età superiore ai 5 anni o disabili.
Pur tenendo conto che in genere la fascia di età dei minori adottandi è compresa tra i 5 e gli 8 anni, si segnala che le autorità peruviane ritengono inoltre di selezionare gli aspiranti genitori adottivi divisi in fasce di età come segue:
aspiranti genitori adottivi di età compresa tra 25 e 40 anni per minori da 0 a 3 anni;
aspiranti genitori adottivi di età compresa tra 41 e 45 anni per i minori da 3 a 6 anni;
aspiranti genitori adottivi di età compresa tra 46 e 49 anni per i minori dai 6 ai 9 anni;
aspiranti genitori adottivi di età compresa tra 50 e 52 anni per i minori di età superiore ai 9 anni;
aspirante genitore adottivo singolo di età compresa tra 25 e 52 per i minori di età pari o superiore a 5 anni.

* Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa del Perù, che sono validi per le coppie adottive italiane solo qualora non contrastino con i requisiti previsti dalla normativa italiana.

 

Requisiti dell’adottando
Minori dichiarati in stato di abbandono dal giudice del Tribunale per i minori;
i minori devono dare il proprio consenso all'adozione, tenendo conto della loro età e della loro maturità.
Nell’ultimo periodo, risultano inapplicati i seguenti requisiti:
i minori di età superiore ai 9 anni sono generalmente privilegiati dalla DGA per le adozioni internazionali;
i minori con bisogni speciali hanno la priorità rispetto agli altri nelle adozioni internazionali;
i gruppi di fratelli hanno la priorità nell’adozione internazionale.

 

Step della procedura per le coppie adottive italiane
La coppia dà l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo all’Autorità centrale peruviana;
alla coppia viene sottoposta la proposta di abbinamento con un minore e, se accetta, la coppia si reca nel Paese per un soggiorno di circa due mesi per incontrare il minore;
se la relazione degli esperti relativa all’incontro è positiva, l’Autorità centrale peruviana adotta una decisione di affidamento del minore alla coppia; se anche la relazione riguardante il rapporto tra il minore e la coppia è positiva, emette una decisione di adozione - se invece fosse negativa, revoca l’affidamento.
il termine per impugnare la decisione sull’adozione è di 5 giorni;
la decisione diviene esecutiva e trascritta nel registro di stato civile; la procedura di adozione può durare, complessivamente, fino a quattro anni;
l’ente autorizzato segue la fase della post-adozione e trasmette alla Autorità centrale peruviana le relazioni concernenti l’integrazione del minore, che devono essere redatte con cadenza semestrale per i tre anni successivi all’adozione, anche se il minore compie nel frattempo diciotto anni.

In merito alla lista dei documenti richiesti, rivolgersi all’Ente Autorizzato.

 


Procedura
In Perù, la procedura per l’adozione di minori abbandonati è amministrativa ed è implementata dalla DGA del Ministero della donna e delle persone vulnerabili (MIMPV).
La procedura si articola in sette fasi:
1. Nella prima fase il fascicolo di idoneità degli aspiranti genitori adottivi viene trasmesso alla DGA che valuta la candidatura e, se valutata positivamente, emette il cd APTA, l’autorizzazione circostanziata (es. per un minore di età tra i 5 e gli 8 anni).
2. Nella seconda fase, in seguito alla designazione di un minore da parte del Consiglio per l'Adozione, la proposta viene comunicata agli aspiranti genitori adottivi che devono comunicare la loro accettazione in breve tempo (circa 7 giorni). In caso di proposta di abbinamento, le coppie a cui viene sottoposto il fascicolo possono essere più di una di diversi enti. La DGA si riserva di decidere, nel superiore interesse del minore, quale coppia sia maggiormente idonea a quel determinato minore. Gli accordi per il proseguimento della procedura saranno portati avanti tra l’ente autorizzato e la DGA.
3. Nella terza fase, una volta che il fascicolo è stato approvato dalla DGA la procedura di adozione prosegue con il coinvolgimento diretto degli aspiranti genitori adottivi.
4. La quarta fase prevede che lo staff specializzato della DGA partecipi all'incontro con il minore e rediga una prima relazione. Se questa relazione è favorevole, la DGA adotta una decisione di affidamento. Il personale della DGA visita poi il minore e prepara una relazione che indica se esiste o meno un accordo sufficiente tra gli aspiranti genitori adottivi e il minore.
5. Quinta fase: se questa relazione è positiva, la DGA adotterà una decisione di adozione. Se la relazione è negativa, la DGA revoca l’affidamento del minore agli aspiranti genitori adottivi e informa il giudice, che dispone una nuova misura di tutela per il minore. Il termine per presentare ricorso è di cinque giorni.
6. Nella sesta fase, la decisione favorevole della DGA, è resa esecutiva, viene registrata nel registro di stato civile. L’ufficio di stato civile peruviano predisporrà un nuovo certificato di nascita che archivierà il certificato originario di nascita del minore.
7. Nella settima fase viene rilasciato il passaporto del minore. Se il minore viaggia con solo uno dei genitori adottivi, poiché l'altro è dovuto ripartire prima, l'autorizzazione all’uscita dal territorio peruviano è rilasciata da un notaio.
La DGA invia mensilmente agli enti autorizzati, una lista di minori con bisogni speciali. Il singolo ente autorizzato può richiedere il fascicolo di uno o più minori per una possibile candidatura della coppia aspirante adottiva.
La DGA richiede relazioni post-adozione ogni sei mesi per i tre anni successivi, anche nel caso il minore compia 18 anni durante questi tre anni (cfr “Compromiso post-adoptivo”, che la DGA fa sottoscrivere ai genitori aspiranti adottivi all’inizio della procedura). La relazione semestrale comprende oltre la relazione psicologica, le fotografie, il certificato medico ed il certificato di frequenza scolastica (o l’esito). Viene richiesto anche il certificato di nascita emesso in Italia, a seguito dell’ordine di trascrizione nel registro dello stato civile da parte del Tribunale per i minorenni. Il Perù prende molto sul serio l’invio delle relazioni e ha ritirato l'accreditamento ad alcuni enti autorizzati a causa del mancato invio delle relazioni.
La procedura peruviana per l’adozione internazionale dura circa 2 anni dalla ricezione del fascicolo da parte della DGA. Gli aspiranti genitori adottivi devono pianificare di rimanere 45-60 giorni in loco.


Altri documenti

Committee on the Rights of the Child, Consideration of reports submitted by States parties under article 44 of the Convention, Fourth and fifth periodic reports of States parties due in 2012, Peru, CRC/C/PER/4-5, 11 march 2015

Adozione nazionale e internazionale
L'articolo 116 riguarda la possibilità dell'adozione internazionale, che è sussidiaria dell'adozione interna. [...] La procedura amministrativa di adozione in Perù è condotta dall'attuale DGA nel Ministero delle donne e delle persone vulnerabili, il cui compito principale è quello di integrare i minori, che sono stati dichiarati adottabili, in famiglie adottive debitamente valutate e ritenute in grado di assicurare ai minori, la possibilità di un pieno sviluppo emotivo e sociale, in modo tale che essi possano esercitare e godere dei loro diritti umani. Tra il 2006 e il 2012, ci sono stati 1.638 adozioni registrate di minori.

Committee on the Rights of the Child, Concluding observations on the combined fourth and fifth periodic reports of Peru, CRC/C/PER/CO/4-5, 2 march 2016

Adozione
Il Comitato apprezza gli sforzi dello Stato membro di rafforzare il suo sistema di adozione riducendo il numero di adozioni internazionali e la stesura di una nuova legge sull'adozione. Tuttavia, è preoccupato che il numero di adozioni internazionali resti elevato e che la nuova proposta di adozione non sia pienamente conforme alla Convenzione e ad altri standard internazionali pertinenti. Il Comitato raccomanda che lo Stato membro continui i suoi sforzi per dare priorità all'adozione nazionale sull'adozione internazionale e garantire che la nuova legge proposta sull'adozione sia pienamente conforme alla Convenzione e ad altri standard internazionali pertinenti. In particolare, lo Stato Parte dovrebbe fornire garanzie minime di giusto processo, distinguere tra i concetti di abbandono e di adozione e garantire che la procedura non sia di natura esclusivamente amministrativa.


Accordo bilaterale esistente con il Perù
Protocollo applicativo della Convenzione tra la Repubblica italiana e la Repubblica del Perù in materia di Adozione Internazionale di minori


Link ed allegati