Kazakistan

Questa scheda Paese è stata aggiornata al 15/04/2020

Il Kazakistan ha depositato gli strumenti per l’accessione alla Convenzione de L’Aja n.33 del 29 maggio 1993 sulla protezione dei minori e la cooperazione in materia di adozione internazionale il 9 luglio 2010 e il 1° novembre 2010 è entrata in vigore.


Referenti per l’adozione internazionale

Autorità Centrale - Children Rights Protection Committee (CRPC) [Comitato per la protezione dei diritti dei minori]

Ministero dell’educazione e della scienza

8, Mangilik Yel avenue

010000, Astana City

Government House, 11th Entrance, 939, 941 Rooms

e-mail kopd.mon@gmail.com -  sito web www.bala-kkk.kz

Ambasciata del Kazakistan in Italia
Via Cassia, 471

00189, Roma

tel. +39 06 36301130

fax +39 06 36292675

e-mail roma@mfa.kz

Ambasciata d’Italia in Kazakistan


Compiti e funzioni dell’Autorità Centrale

  • gestisce e supervisiona tutte le fasi della procedura di adozione internazionale in Kazakistan.        

Procedura adottiva

Per maggiori informazioni sulla procedura prevista dalla normativa italiana: e-tutorial sull'adozione internazionale CAI

Requisiti delle coppie adottanti

Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa locale che sono validi per le coppie adottive italiane solo qualora non contrastino con i requisiti previsti dalla normativa italiana.

  • coppie eterosessuali sposate con e senza figli;
  • donne singole;
  • la differenza di età tra il minore e gli adottanti è di minimo 16 anni e di massimo 45 (art.92 CMF);

La legge del Kazakistan indica altresì le persone che non possono adottare:

  • dichiarate incapaci parzialmente o totalmente dal Tribunale competente (art.91 CMF);
  • private della responsabilità genitoriale (art.91 CMF);
  • sospese dalle funzioni di tutore (art.91 CMF);
  • che abbiano già adottato un minore la cui adozione è stata revocata per colpa imputabile all’adottante (art.91 CMF);
  • aventi problemi di salute fisica o mentale tali da impedire una corretta assistenza del minore (art.91 CMF);
  • non aventi una residenza fissa o apolidi (art.91 CMF);
  • aventi un orientamento sessuale non tradizionale (art.91 CMF);
  • che abbiano o abbiano avuto problemi con la giustizia (art.91 CMF);
  • uomini non sposati (art.91 CMF);
  • non aventi un reddito idoneo a garantire lo sviluppo adeguato del minore (art.91 CMF).

Requisiti dei minori adottandi

  • minori orfani di uno o entrambi i genitori (art.84, c.2, CMF);
  • minori abbandonati (art.84, c.2, CMF);
  • minori i cui genitori siano ignoti (art.84, c.2, CMF);
  • minori i cui genitori siano stati privati della responsabilità genitoriale (art.84, c.2, CMF);
  • minori i cui genitori abbiano dato il loro consenso all’adozione (art.84, c.2, CMF).

Ulteriori aspetti rilevanti secondo la normativa del Kazakistan:

  • i fratelli non possono essere dati in adozione separatamente, a meno che ciò non corrisponda al loro superiore interesse (art.90 c.2, CMF);
  • i minori aventi un’età superiore ai 10 anni devono prestare il loro consenso all’adozione (art.95, c1, CMF).

Passaggi della procedura

  • la coppia conferisce l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo della coppia al CRPC;
  • il CRPC, in collaborazione con le commissioni locali, sceglie la coppia che ritiene maggiormente idonea e le propone l’abbinamento con il minore;
  • se la coppia accetta la proposta di abbinamento deve comunicare la propria decisione al CRPC e, a questo punto, è invitata a recarsi in Kazakistan per trascorrere del tempo con il minore per un periodo minimo di quattro settimane (art.85, c.3, CMF);
  • tutti i documenti riguardanti gli accordi presi per la prosecuzione dell’adozione devono essere emessi dalle autorità kazake;
  • il Tribunale competente, una volta verificata la correttezza della procedura e dei documenti emette la sentenza sull’adozione del minore (art.87, c.1, CMF);
  • quando la sentenza che stabilisce l’adozione diventa definitiva in assenza di impugnazione e prima che la coppia lasci il Kazakistan, il CRPC deve rilasciare un certificato di conformità dell’adozione;
  • l’adozione interrompe il vincolo di filiazione del minore con la famiglia biologica e ne crea uno nuovo con la coppia (art.100, cc.1-2 CMF);
  • per poter lasciare il Paese il minore deve ottenere il visto che gli consenta di entrare nel Paese in cui vive la coppia (art.30 del Decreto n.380).

Post-adozione

L’ente autorizzato trasmette in Kazakistan le relazioni concernenti l’integrazione del minore, che devono essere redatte con cadenza semestrale per i primi tre anni e in seguito con cadenza annuale fino al compimento dei diciotto anni di età del minore (art.85, c.4, CMF).

Normativa di riferimento

  • Matrimonial and Family Code, 26 dicembre 2011 [Codice del matrimonio e della famiglia- CMF];
  • Order n.62 of the Minister of Education and Science of the Republic of Kazakhstan on measures to ensure the implementation of standards arising from the Marriage and Family Code of the Republic of Kazakhstan dated February 23 2012 [Ordinanza n. 62 del Ministro dell'istruzione e delle scienze della Repubblica del Kazakistan del 23 febbraio 2012 relativa a misure intese a garantire l'attuazione delle norme derivanti dal Codice del matrimonio e della famiglia della Repubblica del Kazakistan];
  • Decree of the Government of the Republic of Kazakhstan n.380 of March 30, 2012 on approval of the Rules for the transfer of children, who are citizens of the Republic Kazakhstan, for adoption [Decreto del governo della Repubblica del Kazakistan n. 380 del 30 marzo 2012 che approva il Regolamento per il trasferimento di minori cittadini della Repubblica del Kazakistan ai fini dell’adozione].

Link 


Link ed allegati