Bosnia e Erzegovina

La Bosnia e Erzegovina non ha ratificato la Convenzione de L’Aja n.33 del 29 maggio 1993.

Referenti per l’adozione internazionale
Non avendo ratificato la Convenzione de L’Aja, non esiste formalmente in Bosnia e Erzegovina un’apposita autorità centrale.

Ambasciata della Bosnia e Erzegovina in Italia
Piazzale Clodio 12, 00195, Roma
tel. +39 06 39742817
fax +39 06 39030567
e-mail ambasciata@ambih.191.it
Ambasciata d’Italia in Bosnia e Erzegovina
Ricerca Enti Autorizzati in Bosnia e Erzegovina


Procedura adottiva
Per maggiori informazioni sulla procedura prevista dalla normativa italiana: e-tutorial sull'adozione internazionale CAI

Requisiti delle coppie adottanti
Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa di ciascuna delle tre regioni che costituiscono la Bosnia e Erzegovina che sono validi per le coppie adottive italiane solo qualora non contrastino con i requisiti previsti dalla normativa italiana.

Requisiti nella Federazione della Bosnia ed Erzegovina (FBiH)

  • coppie sposate (art. 102 della Legge sulla famiglia);
  • coppie di fatto unite da almeno cinque anni (art. 102 della Legge sulla famiglia)
  • età compresa tra 25 e 45 anni (art. 96 della Legge sulla famiglia);
  • differenza di età con il minore di almeno 18 anni; nell’adozione congiunta è sufficiente che uno degli aspiranti genitori adottivi soddisfi tali condizioni; in presenza di giustificati motivi, l’adozione può essere richiesta anche da una persona di età superiore a 45 anni, ma la differenza di età con il minore non deve essere superiore a 45 anni; quando l’adozione riguarda un gruppo di fratelli o sorelle, è sufficiente che la differenza d’età con essi dei genitori adottivi o del singolo genitore adottivo sussista nei confronti di uno soltanto dei minori (art. 96 della Legge sulla famiglia).


La Legge indica altresì coloro che non possono adottare:

  • dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale (art. 97 della Legge sulla famiglia);
  • privati o limitati dalla capacità d’agire (art. 97 della Legge sulla famiglia);
  • non idonei a prendersi cura del minore (art. 97 della Legge sulla famiglia).

Requisiti nella Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina (RS)

  • coppie sposate (art. 101 della Legge sulla famiglia);
  • coppie di fatto (art. 101 della Legge sulla famiglia);
  • differenza di età con il minore di minimo 18 anni e massimo 45 anni; in via eccezionale il Ministro competente per la protezione della famiglia può autorizzare una deroga a tale requisito (art.99 della Legge sulla famiglia).

La Legge indica altresì coloro che non possono adottare:

  • dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale o che hanno subito limitazioni della responsabilità genitoriale (art. 100 della Legge sulla famiglia);
  • dichiarati privati o limitati dalla capacità d’agire (art. 100 della Legge sulla famiglia);
  • con una malattia tale da impedirgli di prendersi cura del minore (art. 100 della Legge sulla famiglia);
  • condannati per un reato contro il matrimonio e la famiglia, contro la libertà sessuale o contro la vita (art. 100 della Legge sulla famiglia).

Requisiti nel Distretto di Brčko (DB)

  • coppie sposate (art. 86 della Legge sulla famiglia);
  • coppie di fatto unite da almeno 5 anni, ma solo in presenza di giustificati motivi (art. 86 della Legge sulla famiglia);
  • età compresa tra 25 e 45 anni (art. 81 della Legge sulla famiglia);
  • differenza di età con il minore di minimo 18 anni; nell’adozione congiunta è sufficiente che uno degli aspiranti genitori adottivi soddisfi tali condizioni; in presenza di giustificati motivi l’adozione può essere richiesta anche da una persona di età superiore a 45 anni, ma la differenza di età con il minore non deve essere superiore a 45 anni (art. 81 della Legge sulla famiglia).

La Legge indica altresì coloro che non possono adottare:

  • dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale (art. 82 della Legge sulla famiglia);
  • dichiarati privati o limitati dalla capacità d’agire (art. 82 della Legge sulla famiglia);
  • non idonei a prendersi cura del minore (art. 82 della Legge sulla famiglia);
  • è sufficiente che uno solò della coppia presenti una di tali condizioni perché l’adozione sia vietata.

Requisiti dei minori adottandi
Requisiti nella FBiH

  • minori di età minima di 10 anni (art. 101 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori biologici o il singolo genitore presente hanno fornito il proprio consenso all’adozione (art. 98 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori: sono stati dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale; sono stati dichiarati privati o limitati della capacità d’agire; non vivono con il minore e ne hanno trascurato le cure per più di tre mesi; sono minorenni e incapaci di comprendere il significato dell’adozione; sono irrintracciabili da almeno sei mesi, periodo durante il quale non si sono presi cura del minore (art. 99 della Legge sulla famiglia);
  • minori privi di cure genitoriali il cui tutore ha fornito il proprio consenso (art. 100 della Legge sulla famiglia);
  • i minori che hanno compiuto dieci anni devono essere ascoltati in relazione alla propria adozione (art. 100 della Legge sulla famiglia).

Requisiti nella RS

  • minori iscritti da oltre un anno nel registro dei minori adottabili per i quali non è stato possibile ricorrere all’adozione nazionale; il Ministro competente per la protezione della famiglia può autorizzare una deroga a tale limite temporale nel superiore interesse del minore (art. 103 della Legge sulla famiglia);
  • minori che hanno compiuto tre anni se i loro genitori biologici: sono deceduti; sono ignoti o la loro residenza è sconosciuta; sono stati dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale; sono stati dichiarati privati della capacità di agire; hanno fornito il loro consenso all’adozione (artt. 90 e 91 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori biologici hanno fornito il loro consenso all’adozione; il consenso può essere espresso prima dell’abbinamento con gli aspiranti genitori adottivi, ma non prima del secondo mese di vita del minore, ed è revocabile entro trenta giorni (art. 95 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori biologici sono stati dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale o sia stata significativamente limitata (art. 95 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori biologici sono stati dichiarati privati o limitati della capacità d’agire (art. 95 della Legge sulla famiglia);
  • minori privi di cure genitoriali il cui tutore ha fornito il proprio consenso (art. 97 della Legge sulla famiglia);
  • i minori che hanno compiuto dieci anni devono fornire il loro consenso all’adozione (art. 98 della Legge sulla famiglia).

Requisiti nel DB

  • minori di età minima di 10 anni (art. 86 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori biologici o il singolo genitore presente hanno fornito il proprio consenso all’adozione (art. 83 della Legge sulla famiglia);
  • minori i cui genitori: sono stati dichiarati decaduti dalla responsabilità genitoriale; sono stati dichiarati privati o limitati della capacità d’agire; non vivono con il minore e ne hanno trascurato le cure per più di tre mesi; sono minorenni e incapaci di comprendere il significato dell’adozione; sono irrintracciabili da almeno sei mesi, periodo durante il quale non si sono presi cura del minore (art. 84 della Legge sulla famiglia);
  • minori privi di cure genitoriali il cui tutore ha fornito il proprio consenso (art. 85 della Legge sulla famiglia).

Passaggi della procedura
Procedura nella FBiH

  • la coppia conferisce l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo della coppia all’autorità competente per la tutela del luogo di residenza del minore (art. 105 della Legge sulla famiglia);
  • l’autorità valuta la sussistenza delle condizioni per l’adozione sulla base della documentazione ricevuta e determina, previo parere dei centri di consulenza della famiglia e di esperti, l’idoneità della coppia ad adottare (art. 106 della Legge sulla famiglia);
  • nella fase del procedimento, l’autorità di tutela informa i genitori biologici, la coppia e il minore stesso delle conseguenze legali dell’adozione (art. 109 della Legge sulla famiglia);
  • prima di decidere sull’adozione l’autorità di tutela dispone l’affidamento preadottivo del minore presso la coppia; durante tale periodo, l’autorità vigila sul minore e valuta se l’adozione risponde al suo interesse (art. 110 della Legge sulla famiglia);
  • se l’affidamento preadottivo ha avuto esito positivo, l’autorità pronuncia la decisione sull’adozione; la decisione può essere impugnata entro otto giorni dalla ricezione della notifica (art. 111 della Legge sulla famiglia); la decisione viene trasmessa all’Ufficio del registro delle nascite per le iscrizioni necessarie.

Procedura nella RS

  • la coppia conferisce l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo della coppia al Ministero competente per la protezione della famiglia (art. 312 della Legge sulla famiglia);
  • l’autorità di tutela, una volta ricevuto il fascicolo della coppia, valuta la sussistenza delle condizioni per l’adozione e determina l’idoneità della coppia ad adottare previo parere di esperti ed eventualmente di altre istituzioni specializzate nella mediazione nelle relazioni familiari o di istituzioni sanitarie (art. 314 della Legge sulla famiglia);
  • se la coppia non è ritenuta idonea la domanda viene rigettata entro 60 giorni dal ricevimento; la coppia ha 15 giorni di tempo dalla notifica della decisione per presentare ricorso (art. 315 della Legge sulla famiglia);
  • se la coppia è ritenuta idonea, viene iscritta nel Registro unico delle adozioni presso il Ministero competente per la protezione della famiglia (art. 316 della Legge sulla famiglia);
  • la coppia riceve la proposta di abbinamento con un minore e se accetta è tenuta a recarsi nella RS (art. 317 della Legge sulla famiglia);
  • l’autorità di tutela emette la decisione sull’adozione, la notifica alla coppia e ne dispone l’annotazione negli appositi registri (artt. 324 e 325 della Legge sulla famiglia).

Procedura nel DB
La disciplina della procedura di adozione è conforme a quella della FBiH, a cui si rinvia, ed è stabilita dagli artt. 88-94 della Legge sulla famiglia.

Post-adozione
Non risultano adempimenti da svolgere nella fase post-adozione secondo la normativa della FBiH, del DB e della RS.

Normativa di riferimento

  • Legge sulla famiglia della Federazione della Bosnia ed Erzegovina, Gazzetta Ufficiale n. 35/2005;
  • Legge sulla famiglia della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, Gazzetta Ufficiale n. 18/2005;
  • Legge sulla famiglia del Distretto di Brčko, Gazzetta Ufficiale n. 3/2007.

Link ed allegati