Burkina Faso

Il Burkina Faso ha ratificato la Convenzione de L’Aja n.33 del 29 maggio 1993 l’11 gennaio 1996 e il 1° maggio 1996 è entrata in vigore.

Referenti per l’adozione internazionale
Autorità Centrale
Direction de la protection de l'enfant (DPE) [Direzione della protezione del minore]
Direction Générale de la Famille et de l’Enfant [Direzione Generale della Famiglia e del minore]
Ministère du Genre, de la Solidarité nationale, de la Famille et de l'Action humanitaire
[Ministero del genere, della solidarietà nazionale, della famiglia e dell’azione umanitaria] 01 BP 515, Immeuble Baoghin, Secteur 10, Ouagadougou
sito web www.action-sociale.gov.bf

Ambasciata del Burkina Faso in Italia
Ambasciata d’Italia in Costa d’Avorio competente per il Burkina Faso
Consolato onorario a Ouagadougou in Burkina Faso
Ricerca Enti Autorizzati in Burkina Faso

Compiti e funzioni dell’Autorità Centrale

  • attua la politica del Ministero della famiglia, della solidarietà nazionale e dell’azione umanitaria in materia di protezione dei minori privi della famiglia di origine;
  • coopera e promuove la collaborazione con le autorità centrali di altri Paesi che hanno ratificato la Convenzione;
  • raccoglie e fornisce informazioni sulla legislazione riguardante l’adozione;
  • adotta le misure necessarie per facilitare, monitorare e attivare la procedura di adozione nazionale e internazionale;
  • garantisce il rispetto del principio di sussidiarietà dell’adozione internazionale;
  • concede le autorizzazioni alle organizzazioni per l’adozione e monitora le loro attività sul campo;
  • adotta tutte le misure appropriate per evitare indebiti guadagni materiali in occasione dell’adozione.

Procedura adottiva
Per maggiori informazioni sulla procedura prevista dalla normativa italiana: e-tutorial sull'adozione internazionale CAI

Requisiti delle coppie adottanti
Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa locale che sono validi per le coppie adottive italiane solo qualora non contrastino con i requisiti previsti dalla normativa italiana.

  • età minima di 30 anni (art. 471 del Codice) e età massima di 55 anni (art 29 del Manuale della procedura di Adozione nazionale e internazionale);
  • coppie sposate da almeno 5 anni, non separate di fatto, in cui almeno uno dei due ha almeno 30 anni (art. 472 del Codice);
  • differenza di età con il minore di almeno 15 anni (art. 473, comma 1 del Codice); in caso di adozione congiunta questa differenza di età è richiesta solo per il coniuge di età superiore ai 30 anni (art. 473, comma 2 del Codice); in ogni caso tale differenza può essere ridotta per decisione del Tribunale competente (art. 473, comma 3 del Codice).

La legge del Burkina Faso specifica altresì che:

  • gli aspiranti genitori adottivi (art. 31 del Manuale della procedura di Adozione nazionale e internazionale) sono esentati dai requisiti riguardanti la durata del matrimonio, l’età e la differenza di età con il minore in caso di adozione di minori con bisogni speciali (art. 31 del Manuale della procedura di adozione nazionale e internazionale).

Requisiti dei minori adottandi

  • minore abbandonati o i cui genitori siano sconosciuti o deceduti (art. 478, lett. a,b,c del Codice);
  • minori i cui genitori o il consiglio di famiglia abbiano fornito il proprio consenso all’adozione (art. 478, lett. d del Codice);

La legge del Burkina Faso specifica altresì che:

  • i minori di età minima di 15 anni devono fornire il proprio consenso all’adozione (art. 47a, comma 2 del Codice);
  • la presenza di figli biologici o adottati non impedisce l’adozione di un minore da parte dell’aspirante genitore adottivo (art. 475 del Codice), tuttavia è specificato che la coppia può essere tenuta in considerazione per un abbinamento se ha già al massimo un solo figlio biologico o adottivo presente nel nucleo familiare (art. 29 del Manuale della procedura di Adozione nazionale e internazionale)

Passaggi della procedura

  • la coppia dà l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo al Ministero della famiglia, della solidarietà nazionale e dell’azione umanitaria in Burkina Faso;
  • la DPE si occupa dell’abbinamento di un minore alla coppia
  • la coppia riceve la proposta dalla DPE di abbinamento con un minore e ha 30 giorni per accettarla o rifiutarla;
  • se la coppia accetta, la procedura prosegue con l’invio al Ministero dell’accettazione;
  • a questo punto la DPE trasmette il fascicolo della coppia, quello del minore e il suo parere al Tribunale del luogo in cui risiede del minore;
  • il Tribunale emette il provvedimento che stabilisce l’adozione; l’adozione diventa definitiva trascorso il termine di 30 giorni per l’impugnazione;
  • la coppia si reca in Burkina Faso per trascorrere del tempo con il minore e, una volta ottenuti tutti i documenti necessari, il minore può lasciare il Paese con la coppia.

Post-adozione
L’ente autorizzato trasmette al DPE in Burkina Faso le relazioni concernenti l’integrazione del minore con cadenza annuale per i primi due anni e triennale fino al compimento dei 18 anni di età del minore.

Normativa di riferimento

  • Code des personnes et de la famille, 4 agosto 1990 [Codice delle persone e dalla famiglia];
  • Arrêté conjoint 2013-229 portant manuel de procédure d’adoption nationale et internationale d’enfants au Burkina Faso [Manuale della procedura di Adozione nazionale e internazionale dei minori in Burkina Faso].

Link ed allegati