Nicaragua

La Repubblica del Nicaragua non ha ratificato la Convenzione de L’Aja n.33 del 29 maggio 1993.

Referenti per l’adozione internazionale

Consejo Nacional de Adopción (CNA) [Consiglio nazionale dell’adozione]
Ministerio de la Familia, Adolescencia y Niñez (MIFAN) [Ministero della famiglia, dell’infanzia e dell’adolescenza]
Del Antiguo ENEL Central, 100 mts. al Sur
Apdo. 1292, Managua
e-mail comunicacionmifam@mifamilia.gob.ni
sito web www.mifamilia.gob.ni

Ambasciata della Repubblica del Nicaragua in Italia
Via Ruffini 2/A - 00195 Roma
tel. +39 06 32110020, 06 32628655
fax +39 06 3203041
e-mail embanicitalia@cancilleria.gob.ni
sito web https://embanicitalia.cancilleria.gob.ni/

Ambasciata d’Italia nella Repubblica del Nicaragua
Ricerca Enti autorizzati nella Repubblica del Nicaragua

Compiti e funzioni dell'Autorità Centrale

  • gestisce e supervisiona le procedure di adozione internazionale nella Repubblica del Nicaragua nel rispetto delle leggi e dei regolamenti vigenti;
  • riceve, conosce ed elabora in via amministrativa le domande di adozione (art. 11 della Legge sull’adozione);
  • svolge le valutazioni previste dalla legge e prepara, con l’ausilio di una équipe interdisciplinare specializzata, i futuri genitori adottivi e li assiste per facilitare l’integrazione del minore nel nuovo contesto familiare (art. 11 della Legge sull’adozione);
  • svolge ogni altro adempimento indicato dalle leggi e dai regolamenti vigenti in materia, operando sempre nel superiore interesse del minore (art. 11 della Legge sull’adozione).

Procedura adottiva

Per maggiori informazioni sulla procedura prevista dalla normativa italiana: e-tutorial sull'adozione internazionale CAI

Requisiti delle coppie adottanti

Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa locale per gli adottanti cittadini nicaraguensi, che sono validi per le coppie adottive italiane solo qualora non contrastino con i requisiti previsti dalla normativa italiana (art. 4, comma 2, della Legge sull’adozione):

  • età compresa tra i 24 e i 55 anni, salvo che vi siano motivi specifici nell'interesse del minore, previa valutazione da parte del Consiglio nazionale dell’adozione (art. 3, comma 1, della Legge sull’adozione);
  • differenza di almeno 15 anni con il minore, con riferimento al componente più giovane della coppia (art. 6 della Legge sull’adozione);
  • possesso di idonee qualità affettive, morali, psicologiche e di adeguate risorse sociali ed economiche per accogliere il minore (art. 3, comma 2, della Legge sull’adozione);
  • essere uniti in matrimonio o in una comprovata unione stabile (art. 18 della Legge sull’adozione);
  • assenza di precedenti penali (art. 3, comma 3, della Legge sull’adozione);
  • valutazione fisico-psicologica e sociale da parte del Consiglio nazionale dell’adozione (art. 3, comma 4, della Legge sull’adozione);
  • essere cittadini nicaraguensi o cittadini di altro Paese, con o senza residenza permanente o con domicilio temporaneo nella Repubblica del Nicaragua, purché legalmente capaci e in possesso dei requisiti personali e giuridici per accedere all’adozione secondo la legge del Paese di appartenenza se non contrari alla normativa nicaraguense e previo parere del Consiglio nazionale dell’adozione (art. 4, comma 2, della Legge sull’adozione).

Ulteriori aspetti rilevanti secondo la normativa nicaraguense:

  • la coppia è tenuta a frequentare un apposito corso di preparazione all’adozione e a sottoporsi al monitoraggio pre e post adozione da parte del Consiglio nazionale dell’adozione (art. 3, comma 5, della Legge sull’adozione);
  • consenso dell’altro coniuge (art. 18 della Legge sull’adozione);
  • consenso degli eventuali figli della coppia se di età inferiore ai 15 anni (art. 24 della Legge sull’adozione).

Requisiti dei minori adottandi

  • minori di età inferiore ai 15 anni che si trovino in una delle seguenti condizioni:
    • siano privi dei genitori;
    • siano figli di genitori sconosciuti;
    • siano stati dichiarati in stato di abbandono;
    • i cui genitori siano stati privati della responsabilità genitoriale;
    • i cui genitori abbiano fornito il consenso all’adozione;
    • siano i figli di uno dei coniugi o dell'unione di fatto (art. 8 della Legge sull’adozione);
  • minori di età compresa tra i 15 e i 21 anni che si trovino in una delle seguenti condizioni:
    • abbiano convissuto, prima del raggiungimento di tale età, per almeno tre anni con gli aspiranti genitori adottivi e abbiano sviluppato con loro un rapporto affettivo;
    • abbiano vissuto in un centro di rieducazione o di protezione, pubblico o privato (art. 9 della Legge sull’adozione).

Ulteriori aspetti rilevanti secondo la normativa nicaraguense:

  • è previsto il consenso dei minori di età superiore ai sette anni (art. 24 della Legge sull’adozione).

Passaggi della procedura (*)

  • la coppia conferisce l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo al CNA;
  • il CNA valuta il fascicolo, verifica la completezza della documentazione e dispone una valutazione fisico-psicologica e sociale della coppia, effettuata da una équipe interdisciplinare ministeriale specializzata;
  • la coppia è tenuta poi a esibire una attestazione, a cura dell’ente autorizzato, che certifichi la formazione seguita dalla coppia stessa all’interno dei percorsi di accompagnamento e preparazione all’adozione;
  • il CNA, alla luce della documentazione e delle valutazioni effettuate, se ritiene la coppia idonea all’adozione, procede all’individuazione di un minore da proporre in abbinamento;
  • è previsto poi un periodo di affidamento pre-adottivo di almeno tre mesi che deve svolgersi nella Repubblica del Nicaragua durante il quale alla coppia, o ad almeno uno dei genitori adottivi, è richiesto di convivere con il minore;
  • al termine del periodo di affidamento, il CNA si riunisce nuovamente per emettere il proprio parere sull’idoneità della coppia all’adozione e solo in caso di parere positivo sarà possibile presentare la domanda di adozione dinnanzi al Tribunale civile del distretto dove il minore è domiciliato (artt. 14 e 16 della Legge sull’adozione);
  • è possibile tuttavia impugnare il parere negativo del CNA mediante ricorso di “amparo” (art. 14 della Legge sull’adozione);
  • una volta depositate la domanda di adozione e tutta la documentazione richiesta dalla legge, il giudice assegna un termine di quindici giorni a tutte le parti intervenute nel procedimento per esprimere eventuali osservazioni; al termine di tale periodo, il giudice convoca entro tre giorni tutti i soggetti per i quali la legge prevede il rilascio del consenso all’adozione (artt. 20, 21 e 22 della Legge sull’adozione);
  • espletati tutti i passaggi previsti dalla legge, entro otto giorni il giudice emette il provvedimento finale di adozione (art. 29 della Legge sull’adozione);
  • il giudice provvede poi a comunicare all’ufficiale di stato civile delle persone il provvedimento di adozione ai fini della sua registrazione nell’apposito registro (art. 31 della Legge sull’adozione).

(*) Le informazioni per le quali non è stato possibile individuare una fonte normativa ufficiale sono state reperite su: www.travel.state.gov

Post-adozione

L’ente autorizzato trasmette al CNAnella Repubblica del Nicaragua le relazioni concernenti l’integrazione del minore nella famiglia adottiva con cadenza annuale fino al raggiungimento della maggiore età da parte del minore (art. 4 della Legge sull’adozione).

Normativa di riferimento


Link ed allegati