Ungheria

L’Ungheria ha ratificato la Convenzione de L’Aja n.33 del 29 maggio 1993 il 6 aprile 2005 e il 1° agosto 2005 è entrata in vigore.

Referenti per l'adozione internazionale

Autorità Centrale
Department for Adoption Affairs and Women’s Policy
[Dipartimento per l’adozione e per la politica delle donne]
Prime Minister’s Office [Ufficio del Primo ministro]
1055 Budapest, Szalay u. 10-14.
e-mail
of@csm.gov.hu


Ambasciata dell’Ungheria in Italia
Ambasciata d’Italia in Ungheria
Ricerca Enti Autorizzati in Ungheria

 

Compiti e funzioni dell’Autorità Centrale

  • gestisce e supervisiona le procedure di adozione internazionale in Ungheria.

 

Procedura adottiva
Per maggiori informazioni sulla procedura prevista dalla normativa italiana: e-tutorial sull'adozione internazionale CAI

 

Requisiti delle coppie adottanti

Si tratta dei requisiti previsti dalla normativa locale che sono validi per le coppie adottive italiane solo qualora non contrastino con i requisiti previsti dalla normativa italiana.

  • coppie sposate (sezione 4.121.1 del Codice civile); tale requisito può essere derogato per legge in presenza di alcune circostanze speciali (sezione 4.121.4 del Codice civile);
  • età minima di 25 anni (sezione 4.121.1 del Codice civile);
  • possesso della piena capacità d’agire (sezione 4.121.1 del Codice civile);
  • differenza di età minima con il minore di 16 anni e massima di 45 anni (sezione 4.121.1 del Codice civile); se il minore ha un’età superiore ai 3 anni, nell’interesse del minore l'adozione può essere decisa anche se la differenza di età tra l’aspirante genitore adottivo e il minore è superiore, ma in ogni caso non può eccedere i 50 anni di età (sezione 4.121.1 del Codice civile); in caso di adozione congiunta è sufficiente che solo uno dei due coniugi soddisfi tali requisiti (sezione 4.121.2 del Codice civile); in caso di adozione di fratrie si tiene conto dell’età del fratello maggiore (sezione 4.121.2 del Codice civile);
  • gli aspiranti genitori adottivi non siano stati dichiarati decaduti dalla responsabilità genitorialeo interdetti dagli affari pubblici e il cui figlio sia stato dato in affidamento (sezione 4.121.3 del Codice civile).

 

Passaggi della procedura (*)

  • la coppia dà l’incarico di avviare la procedura di adozione internazionale ad un ente autorizzato, il quale trasmette il fascicolo al Dipartimento per l’adozione;
  • il Dipartimento esamina il fascicolo della coppia e, se lo ritiene, inserisce i dati nell’elenco degli aspiranti genitori adottivi;
  • dopo un periodo che varia dai 3 ai 24 mesi, la coppia riceve la proposta di abbinamento con un minore; entro 30 giorni la coppia comunica, tramite l’ente autorizzato, la decisione sull’abbinamento;
  • se la coppia accetta la proposta di abbinamento si reca in Ungheria per un soggiorno di almeno 45 giorni durante i quali trascorre del tempo con il minore; in seguito alla prima audizionepresso l’Ufficio Governativo della Regione competente trascorre un periodo di 30 giorni fino alla autorizzazione dell’adozione;
  • il Dipartimento pratiche amministrative dell’Ufficio Governativo della Regione di competenza autorizza l’adozione;
  • una volta ottenuti tutti i documenti necessari, il minore può lasciare l’Ungheria con la coppia.

(*) Le informazioni per le quali non è stato possibile individuare una fonte ufficiale attendibile sono state reperite su: HCCH, Country profile - State responses: Hungary
In assenza di norme specifiche reperite, le presenti informazioni relative alla prassi sono state fornite dagli enti autorizzati operativi in Ungheria



Post-adozione

L’ente autorizzato trasmette al Dipartimento per l’adozione in Ungheria le relazioni concernenti l’integrazione del minore con la seguente cadenza: la prima dopo 6 mesi dalla data del provvedimento di adozione in Italia e la seconda dopo 18 mesi per un massimo di 5 anni successivi all’adozione (art. 62/C della Legge XXXI del 1997 e sezione 4.131.2 del Codice civile).

 

Normativa di riferimento

  • Legge XXXI del 1997 e successive modifiche, relativa alla protezione dell’infanzia e all’amministrazione tutelare;
  • Legge V del 2013, Codice civile.

Link ed allegati